Le idee Archives - Laboratorio delle Idee

Copertina-Progetto-Dancer-per sito labidee

dancER, acceleratore di amicizia

Posted by | Le idee | No Comments

“dancER ha dimostrato ai ragazzi che insieme si arriva lontano, addirittura a condividere il palco con i ballerini che guardi su Youtube o in televisione. Non importa come ti chiami, dove sei nato o come vai a scuola. Mentre balli sei te stesso, uguale agli altri e vicino agli altri, emozionato, felice, libero. Siamo orgogliosi di tutto questo.”

Gabriella Castelli, ideatrice del progetto

dancER Ravenna

 

dancER è un progetto di aggregazione giovanile per i quartieri periferici dell’Emilia-Romagna: attraverso il linguaggio universale dell’hip-hop, straordinari professionisti insegnano a ragazzi dagli 11 ai 18 anni a stare insieme, qualunque siano i contesti culturali, religiosi e linguistici di provenienza.

A termine della prima edizione (nel 2018, a Bologna, Lido Adriano e Ravenna), un grande spettacolo di danza ha portato in scena più di 70 allievi e star della street dance, tra cui Marco KIRA Cristoferi (secondo a Italia’s Got Talent 2016), Cristiano KRIS Buzzi (coreografo di Amici di Maria De Filippi, Sky, Rai 1 e MTV), Antonio Grandi (ballerino per “E poi c’è Cattelan”, Kylie Minogue, Marracash, Gue Pequeno, Annalisa), Gianluca Colonnelli  (tra le sue collaborazioni, Joss Stone, Sean Paul, Flaminio Maphia).

Il progetto, nato da un’idea di Vittoria Cappelli, grande Signora della danza italiana, e Gabriella Castelli (Laboratorio delle Idee), è promosso dall’Associazione LaborArtis con il sostegno di Fondazione del Monte, Fondazione Germano Chincherini, Fondazione Nazionale della Danza, Alfasigma, IMA, Marposs e ha il patrocinio di Regione Emilia-Romagna, Comune di Bologna e Comune di Ravenna.

Sponsor tecnici: Radio Sata, Macron e Endas.

 

Di cosa ci siamo occupati

Laboratorio delle Idee ha partecipato al concept del progetto, ne ha curato le attività di comunicazione e di promozione e ha supervisionato l’organizzazione dei corsi e dello spettacolo finale.

roberto-bolle

Cosmoprof festeggia con Roberto Bolle

Posted by | Le idee | No Comments

 

Cosmoprof Worldwide Bologna ha festeggiato il suo 50 Anniversario con il Gala “Roberto Bolle and Friends”, al Teatro EuropAuditorium la sera di giovedi 16 marzo 2017, invitando i suoi ospiti internazionali ad assistere allo spettacolo. Abbiamo curato l’organizzazione di un cocktail dinner in attesa dello spettacolo all’Ex-Gam. Non poteva certamente mancare Florio Terenzi, presidente di Sogecos, società che organizza la manifestazione cosmetica. Nel video (00:38) con Gabriella Castelli che l’ha accolto alla serata.

Con un primo speech di benvenuto, in attesa dell’inaugurazione ufficiale della fiera della bellezza, prevista per il giorno dopo, il Presidente di BolognaFiere Franco Boni, sul palco con Paola.

boni paola bracke labidee

Il presidente ha colto l’occasione per presentare il “revamping” del quartiere fieristico di BolognaFiere: nuovi spazi e molte migliorie, come la ricostruzione dei padiglioni 29 e 30, il miglioramento dei padiglioni 15, 18 e 20, che risulteranno più fruibili oltre all’ampliamento di Piazza della Costituzione e la creazione di due ingressi, più adeguati ad accogliere i visitatori durante le manifestazioni internazionali. Un progetto che assegnerà al quartiere espositivo bolognese il ruolo di fiera dei grandi distretti industriali del made in Italy.

revamping bologna fiere labidee

Roberto Bolle ha partecipato il giorno successivo, venerdi 17 marzo, all’inaugurazione di Cosmoprof 50.

Foto Benvenuti

Foto Benvenuti

Villa Guastavillani, sede della BBS

Innovazione alla BBS: la Motor Valley svela i segreti del successo

Posted by | Le idee | No Comments

La Bologna Business School è la scuola di Business dell’Università di Bologna. La sua sede è Villa Guastavillani, una meravigliosa residenza cinquecentesca che sovrasta la città dai colli e che ospita ogni anno più di 600 studenti provenienti da 80 Paesi del mondo.

Massimo Bergami, Dean BBS con Romano Prodi e Claudio Domenicali, CEO Ducati Motor Holding

Massimo Bergami, Dean BBS con Romano Prodi e Claudio Domenicali, CEO Ducati Motor Holding

Nello scorso dicembre, in collaborazione con Philip Morris Italia, BBS ha ospitato un ciclo di 5 incontri dedicati al tema dell’innovazione. Relatori, i top manager della ben nota Motor Valley: Dallara, Ducati, VisLab, Lamborghini e Ferrari, sono state le aziende protagoniste degli Innovation Talks, rivolti alla Community della Scuola ma estesi anche a chi avesse interesse a scoprirne di più sulle eccellenze del nostro territorio.

2015_12_14_lecture_255_23139161673_o

Siamo stati felici di collaborare con la Bologna Business School, non solo perché è una realtà di formazione dal respiro internazionale, all’avanguardia nelle modalità di insegnamento così come nei temi proposti ai propri studenti (dai prestigiosi GLOBAL MBA ai MASTER di Gestione d’Impresa con focus al MADE IN ITALY), ma anche perché, seppur rivolti al contesto ben preciso dell’industria automotive, gli incontri che abbiamo seguito sono stati un’occasione fantastica per ripensare il ruolo dell’innovazione anche all’interno della nostra quotidianità.

Come tutti i grandi temi, anche quello dell’innovazione, infatti, ha il grande valore di poter essere applicato non solo alla propria professione, indipendentemente dal settore cui appartiene, ma, nei suoi suggerimenti che diventano quasi massime universali, anche nella propria vita privata.

2015_11_25_lecture_110_23445768496_o

Ecco cosa abbiamo imparato:

VOLER ESSERE I PRIMI Applicare esperienza e impegno per essere il primo a realizzare un progetto, mai uno fra tanti, perché nel primo caso sei il migliore in quello che fai, nel secondo un follower.

MA PENSARE DA SECONDI Per non perdere la spinta a migliorarsi e dunque a innovare, avere la saggezza di considerarsi secondi anche quando si è ai vertici.

CON PASSIONE In tutte le esperienze raccontate, il filo conduttore è stata la passione di chi non si accontenta, la grinta che sostiene anche quando i risultati non arrivano, la determinazione di continuare a provare.

E COLLABORAZIONE Non si arriva da nessuna parte se non con qualcuno al proprio fianco. Il team e la sinergia che in tanti casi si crea tra i suoi componenti sono sempre più spesso il motore di nuove imprese, il collante che tiene in piedi la sperimentazione, il motivo per cui un successo –condiviso- non dà alla testa.

CREANDO CONNESSIONI Mettere in collegamento esperienze, racconti, episodi, notizie. La connessione di punti che all’apparenza sembrano estranei gli uni agli altri, crea una mappa di orientamento entro cui muoversi con coordinate più precise.

PRESTANDO ATTENZIONE Un relatore, citando il proprio nonno, ha ricordato l’antico detto popolare: “Se abbiamo una sola bocca, ma due orecchie, è per un buon motivo”. Saper tacere le proprie convinzioni a favore dell’ascolto, è sempre il principio di una strada nuova. Non tutto è utile, non tutto è interessante, spesso non tutto è intelligente, ma tutto resta uno stimolo per scegliere la propria direzione.

NON TEMENDO L’ERRORE Commettere uno sbaglio è fondamentale nell’esperienza. Permette di prendere le misure con se stessi, con le proprie capacità, consente di riconoscere le scelte deboli e di non ripeterle. La paura di commettere un errore non deve quindi allontanare dal tentativo ex-novo, perché forse proprio da quel salto nel vuoto (comunque ragionato), dalla sicura tradizione si balzerà in avanti, nell’innovazione che rende unici e migliori.

Credo che si possa dire di avere una professione soddisfacente quando si ha modo di imparare il nuovo in quello che si fa, dalle persone con cui si entra in contatto, attraverso le occasioni a cui si deve comunque prender parte.

Gli Innovation Talks della Bologna Business School ci hanno rese felici del nostro mestiere, perché sono state una splendida lezione di confronto e un ottimo punto di partenza per sentire nascere in noi la voglia di osare ancora di più.

 

Photo by Giacomo Maestri